25 Aprile: Festa della liberazione

di Fabio Cammisa

Oggi 25 Aprile si festeggia la Festa della Liberazione. L’origine della Festa della Liberazione, che è una festa nazionale e civile che non ha assolutamente carattere religioso, sta nella celebrazione di uno dei giorni cardini della storia della Repubblica Italiana.

Infatti, la Festa della Liberazione (anche chiamato Anniversario della liberazione d’Italia, anniversario della Resistenza o semplicemente 25 aprile) rappresenta un giorno fondamentale per la storia della Repubblica Italiana: la fine dell’occupazione nazifascista, avvenuta il 25 aprile 1945, al termine della seconda guerra mondiale.

Fu scelta questa data perché il 25 aprile 1945 fu il giorno della liberazione di Milano e Torino. Entro il 1º maggio, poi, tutta l’Italia settentrionale fu liberata: Bologna (il 21 aprile), Genova (il 26 aprile), Venezia (il 28 aprile).

Per combattere il dominio nazifascista si era organizzata la Resistenza, formata dai Partigiani. Questi erano uomini, donne, giovani, anziani, persone di diversi ceti sociali, ma che avevano in comune la volontà di lottare personalmente, ognuno con i propri mezzi, per ottenere in patria la democrazia e il rispetto della libertà individuale e l’uguaglianza.

La Liberazione mette così fine a venti anni di dittatura fascista ed a cinque di guerra; simbolicamente rappresenta l’inizio di un percorso storico che porterà al referendum del 2 giugno 1946 per la scelta fra monarchia e repubblica prima e alla nascita della Repubblica Italiana poi.

8 Aprile 2012: Buona Pasqua

di happypixels

Ed eccoci alle porte di una delle festività più gradite, attesa sia da chi è religioso sia da chi ama sedersi a tavola a degustare le prelibatezze della stagione.

La Pasqua deve il suo nome alla tradizione ebraica: deriva infatti da “pesach”, che significa “passare oltre”, e rimanda al racconto della Decima Piaga d’Egitto, in cui l’angelo della morte inflisse il suo tremendo supplizio a tutti i primogeniti maschi, risparmiando (appunto passando oltre) solo coloro che avevano cosparso di sangue d’agnello le porte delle proprie case.

Durante la Pasqua gli ebrei festeggiano appunto la liberazione di Israele dalla schiavitù degli egiziani. Nella religione cristiana invece si celebra la resurrezione di Cristo dopo tre giorni dalla sua crocefissione.

La Pasqua di Resurrezione cade la domenica successiva al primo plenilunio dopo l’equinozio primaverile, mentre la Pasqua di Liberazione, ossia la pasqua ebraica, viene festeggiata in occasione del plenilunio stesso.

L’evento, oltre alle radicate motivazioni religiose, ha sempre avuto risonanze agresti, dove si festeggiava l’arrivo della primavera tramite offerte di ringraziamento, quali le primizie del campo e dell’orto. Da qui i tipici alimenti della Pasqua, tra cui il simbolico uovo, che rappresenta la nuova vita nascente. In passato si era soliti regalare uova di gallina in segno di buon augurio, mentre ora si predilige la più gustosa variante al cioccolato.

 

Le tradizioni pasquali variano di paese in paese:

 

Continua a leggere cliccando sul titolo dell’articolo.

1 Aprile 2012: Domenica delle Palme

di Fabio Cammisa

Cominciamo con un pò di storia… Nel calendario liturgico cattolico la “Domenica delle Palme” è celebrata la domenica precedente alla festività della Pasqua. Con essa ha inizio la settimana santa ma non termina la Quaresima,…

Ecco il nuovo Bada 2 per il Samsung Wave S8500

di Fabio Cammisa

Dopo una lunga attesa e tante versioni ufficiose, ecco che arriva l’aggiornamento ufficiale a Bada 2.0 per il nostro amato Samsung Wave S8500. Per effettuare l’aggiornamento, cosa molto consigliata, basta scaricarsi l’applicazione Samsung Kies. L’update…